23-6: In discesa libera a Piobbico

Questa è la facciata del bar diversamente accogliente, presso cui ho comunque soggiornato in modo tranquillo e confortevole.
La colazione mi è stata servita da una signora anziana gentilissima e due frequentatori mattutini, grossi, e anziani a loro volta, mi hanno rivolto parole cordiali.
Quando esco, senza aver avuto il piacere di salutare Cerbero, sono le sette e un quarto.

La pioggia di ieri pomeriggio ha reso l’aria tersa, solcata da folate di vento freddo, e le luci molto forti e contrastate. È bello e vitalizzante incamminarsi in questo clima.

Una tappa facile, oggi: venti chilometri di discesa, tutti su questa strada, curiosamente statale fino al confine regionale fra Umbria e Marche (che raggiungo presto) e provinciale di lì in poi.

Oggi niente incontri ed eventi leggendari: solo quattro ore e un quarto di cammino senza soste, nel progressivo risvegliarsi del traffico veicolare.
Mi aspettavo di incrociare molti ciclisti, oggi che è sabato, ma qui, nella regione di Valentino Rossi, sono soprattutto i suoi emuli a sfrecciare velocissimi e a rombare violentemente, sfregiando l’armonia di questa verde valle e di questa luminosa giornata.

Non mi resta dunque, per questa volta, che lasciare la parola a una nutrita collezione di immagini.

In quest’ultima immagine ripresa nel centro di Piobbico, che vive con vivacità un sabato di fine giugno, ho inquadrato l’albergo dove passerò questa prima notte marchigiana sul mio cammino.

Pubblicato in Tutti gli articoli | 1 commento

22-6: La favolosa conquista di Bocca Serriola

Strano posto, il mio alloggio della scorsa notte. Lo definirei in stile “rustico-castellano”: arredamento, infissi, illuminazione, perfino la tinteggiatura, sono tesi a evocare l’atmosfera di un antico maniero, a una potenziale clientela agiata in cerca di capricci e suggestioni, e che tuttavia non può rinunciare a una bella piscina nel giardino.
Ma più di qualcosa non torna: diversi interruttori e prese di corrente sono alloggiati alla meglio, i rubinetti del lavandino non chiudono bene, l’erogatore della doccia è scomodamente fisso e, se fai lo sbaglio di aprire il rubinetto in finto ottone recante una piccola dicitura “hot”, esce acqua sempre più fredda, perché l’idraulico tifernate (cioè abitante di Città di Castello) ha pensato bene di associare la calda, diamine!, alla scritta “cold”.

L’immagine fotografica risulta generosa nei riguardi dell’illuminazione, in realtà molto più opaca.
E questa è la sala del banchetto, ovvero della ricca colazione,

che viene predisposta dal gestore questa mattina poco dopo le sei, ché tanto lui, da castellano, si alza sempre alle cinque.

Comunque, a dispetto di tutta questa pompa magna, alla fine il conto, come concordato, è più che ragionevole.

Per la prima volta da quando sono partito, oggi il sole è velato e nel pomeriggio è prevista pioggia.
Dovrei comunque percorrere i ventuno chilometri fino al valico di Bocca Serriola, nonostante la molta salita, in tempo utile per evitarla.

Uscito dal piccolo paese di Piosina, affronto per lungo tratto una zona pianeggiante, in cui i fabbricati artigianali e residenziali stentano a cedere il posto alla campagna umbra.
Ma poi finalmente si comincia a ragionare: un’invitante strada, dapprima asfaltata poi bianca, mi offre un primo assaggio di isolamento.
Sarà proprio questa, la netta e principale caratteristica di un’altra bellissima tappa del mio viaggio verso l’Adriatico.

L’avevo letto, snobbandone allegramente il sugnificato, quell’avviso di strada interrotta.
Ma poi a un certo punto i nodi vengono al pettine: dopo una prima indicazione di ponte sprovvisto di protezione, ce n’è una seconda più imperiosa: il ponte è dissestato.
E si presenta così,

con quel muretto, senza appigli, da valicare.
Riscopro l’innata ebbrezza dell’avventura; mi tolgo lo zaino, lo sistemo oltre il muretto e in un paio di tentativi mi ritrovo ad aver domato l’ostacolo.

Al di là del ponte, comincia un lunghissimo, interminabile tratto in cui la strada, a tratti asfaltata (più o meno) a tratti bianca, si dipana in un regno misterioso e selvaggio, dove le tracce umane sembrano scomparse, non fosse per la presenza di qualche campo coltivato.

Il sottofondo lieve e continuo di cinguettii rende l’atmosfera ovattata; il ritmo stesso del cammino sortisce un effetto ipnotico.

La copertura telefonica e telematica, del tutto assente, enfatizza un senso di isolamento assolutamente inedito e, allo stesso tempo, lievemente inquieto ed emozionante.
Per il percorso devo affidarmi alle mappe scaricate alla vigilia e, se è vero che non sono comparsi bivii o diramazioni degni di nota, è anche vero che i punti di riferimento, per capire dove mi trovo, sono scarsissimi.

Ce n’è uno, in realtà, strategico: l’indicazione di una deviazione per un agriturismo, di cui incontro un paio di cartelli segnaletici che invitano a proseguire.
La cosa in realtà non serve a rassicurarmi del tutto, se non nel momento in cui mi appare proprio quella specifica deviazione con una bella freccia.
Il conforto è quasi esaltante.
Di lì a non molto un’ulteriore conferma: all’orizzonte si stagliano le case del primo paese situato sulla strada statale per Bocca Serriola.

L’immissione sulla statale, che sancisce la fine dell’interminabile sentiero selvaggio, merita una fotografia.

Si apre ora l’ultima parte del tragitto, in cui bisogna solo amministrare la fatica e mantenere un’andatura veloce. La salita è costante ma meno ripida di quella affrontata un paio di giorni fa.

La scarsità del traffico mi permette di tagliare le curve senza pericolo. Ci vuole solo prudenza, che significa arrestarsi sul margine della strada, ogni qual volta senta sopraggiungere alle mie spalle un’automobile o un camion.

Faccio i miei calcoli sulla presumibile ora di arrivo al valico, che stenta a dare tracce di sè.
Dovrei arrivare intorno a mezzogiorno.

E infatti a mezzogiorno compare, se non l’indicazione del passo, un’incoraggiante piazzuola con panchine, di fronte a un caseggiato con l’insegna di bar e tabacchi.
Benché in evidente prossimità della meta, mi concedo una piccola sosta.

Il passo, con i suoi settecentotrenta metri (quota massima di tutto il mio viaggio), è appena oltre la curva.
Non trovo quelle splendide vedute che a colazione mi aveva preannunciato il castellano di Piosina; devo accontentarmi di quest’immagine.

Dal passo si dirama una strada in salita per il rifugio del CAI dove dovrei alloggiare: per telefono il referente mi aveva indicato di rivolgermi al bar, chè lui oggi non avrebbe potuto esserci.
Quando raggiungo il vicinissimo rifugio

e lo trovo chiuso, capisco che il bar in questione è quello di prima, di fronte a cui mi sono appena fermato.
E torno a raggiungerlo.
Ed entro.

Il comitato d’accoglienza, con tutti gli onori, saluta l’avventuroso eroe che ha or ora conquistato la vetta.
Beh, non è andata precisamente così.

“Dovrei pernottare al rifugio, mi hanno detto che non ci sono problemi.”
Il tizio mi fa il terzo grado:
“Da dove viene, di qua o di là?”
“Di qua, cioè di là, ora, perché sono andato fino al rifugio,”
“Ma l’ha vista la casa rossa? Se viene di qua deve averla vista.” Il tono è di sfida.
“Insomma sono andato al passo, ho preso la stradina per il rifugio poi sono tornato indietro, vengo da Città di Castello.”
“Ma lei ha parlato con Leandro?”
Lo scontro, sempre più serrato, dura un tempo assurdo, finchè il comitato d’accoglienza, nella persona di questo insopportabile tizio, scopre finalmente le sue carte
“Sì, Leandro mi aveva avvertito, ma volevo capire se era proprio lei” e, per fortuna, mi dirotta su una ruspante e formosa giovane signora umbra, di tutt’altre maniere.
Lei mi propone un alloggio nella foresteria al secondo piano, a mezza pensione con la cena.
Affare fatto.

E in questo comodo miniappartamento, dopo una bella doccia e uno spuntino (gli avanzi della spesa di ieri), mi godo nel pomeriggio, dalla finestra, lo scrosciare della pioggia, là sotto, sullo spiazzo delle panchine.

Pubblicato in Tutti gli articoli | 2 commenti

21-6: Inebriante solstizio in terra umbra

Ancora un progresso in tema di “partenze intelligenti”: questa mattina, quando lascio i locali dell’agriturismo dopo una bella colazione, sono appena le sei e venticinque e, comunque, il sole ha già cominciato il suo, di cammino, oggi il più lungo di tutto l’anno.

Bisogna completare l’opera di ieri, cioè percorrere l’ultimo pezzo della provinciale che porta ad Anghiari.
Scandisco i passi cantando mentalmente una vecchia canzone molto appropriata, di un grande cantautore e chitarrista… (clicca qui).
Il mio percorso non entra nel centro storico, ma ne permette a più riprese una suggestiva visione d’insieme,

poi scende, con qualche serpentina di una strada piuttosto trafficata, verso un’estesa pianura.

Per fortuna, a differenza di ieri, la convivenza con il frastuono dei veicoli dura poco.
Una serie di successive immissioni, in strade sempre più isolate, renderà sorprendente questa tappa del solstizio d’estate.

Raggiunta la pianura, lascio il centro abitato e poi il comune di Anghiari, in una miscela cangiante di zone parzialmente residenziali e agresti.
Questa inattesa pianura dà l’impressione di stare procedendo lentamente. Non mancano, tuttavia, gli spunti fotografici.

C’è un uomo, forse straniero, che lavora in un campo, con movenze molto istrioniche.
Viene da sè salutarlo, con un ampio gesto del braccio.
Mi grida qualcosa, forse di andare piano. Lo rassicuro con un sorriso, poi, invece di proseguire, con un mezzo dietro-front mi ci avvicino e gli faccio cenno di voler fotografarlo.
Lui diniega, e mi dice di riprendere piuttosto il resto della sua strana compagnia, che si muove collettivamente su un trattore.

Ancora pianura, in un tu per tu sempre più intimo con la campagna circostante.

Ed è ancora in pianura, inaspettatamente, il mio ingresso in Umbria, previsto a metà percorso.
Mi aspettavo un’indicazione stradale e invece è il primo paese a farmi capire di aver già varcato il confine. Un paese dal nome curioso e facile da ricordare: Fighille.
Nonostante l’aspetto desolato e assolato, a Fighille c’è un bar, con tanto di fighilla seduta su uno dei due tavolini fuori.
Resisto alla doppia tentazione: oggi sono abbastanza in forze per accontentarmi, come sosta di metà percorso, dell’ombra di un albero poco oltre e dell’acqua della borraccia.

Quando riprendo il cammino, la collina mi si fa incontro, con una successione dinamica e continua di scenari di una bellezza mozzafiato.

Appagato dall’odierno crescendo di sensazioni di grazia e bellezza, accetto di buon grado alcuni previsti chilometri di statale.

Ma qualche chilometro prima di Città di Castello, ritrovo un po’ di quiete nella strada per il piccolo paese di Piosina, a cui sono diretto.

La fatica si fa sentire, ma devo mantenere un buon passo per arrivare entro le dodici e trenta, orario che potrebbe essere di chiusura per il negozio di alimentari che mi ha segnalato Google Maps.

Non posso tuttavia rinunciare a fotografare un piccolo fiume che la mia strada interseca:

un piccolo fiume, ben altra cosa rispetto all’Arno dei giorni scorsi, eppure il suo nome è importante. Si chiama Tevere.

Una lunga tavolata di persone sta pranzando nel giardino di un’abitazione di Piosina. Li saluto e mi rispondono in coro; poi, già che ci sono, chiedo di indicarmi se c’è un negozio di alimentari.
Il capobranco dà un’occhiata all’orologio, confermando i miei timori, ma sono le dodici e venti e, rassicurato, mi dice di girare a destra e procedere cento metri. Si intromette una commensale che, con la smania di aiutarmi, fa di tutto per complicare quella semplice indicazione.
Comunque ringrazio e saluto.

Abbondante spesa, finalmente hanno anche un po’ di frutta e verdura, e poi, con lo zaino traboccante, giungo alla vicina dimora storica, o quasi, dove si trova il mio odierno alloggio.

——
p.s.: domani la destinazione è il rifugio del CAI presso il valico di Bocca Serriola.
Spero di non aver problemi di connessione alla rete.

Pubblicato in Tutti gli articoli | 2 commenti